GIURIA

Nella decima edizione di France Odeon una giuria composta da personalità del mondo della cultura e dello spettacolo.

Esmeralda Calabria
Esmeralda Calabria
Esmeralda Calabria comincia la sua attività di montatrice negli anni 90 e firma i primi film di Giuseppe Piccioni, tra i quali Fuori dal mondo (1999), per il quale ottiene il David di Donatello. Nel corso della sua carriera ha lavorato con i
principali registi italiani, tra cui Nanni Moretti (La stanza del figlio del 2001, Il Caimano del 2006), Paolo Virzì (Tutta la vita davanti del 2008), Francesca Archibugi (Il nome del figlio del 2015) e Michele Placido (Romanzo criminale del
2006). Del 2007 il suo esordio alla regia con Biùtiful cauntri, Nastro d’argento come miglior documentario e Ciak d’oro per il miglior montaggio. Nel 2016 ha fondato la società di produzione Aki Film, con cui ha prodotto i documentari Upwelling, di Pietro Pasquetti e Silvia Jop nel 2016 e Lievito Madre, di cui firma la regia insieme a Concita De Gregorio nel 2017.
Francesco Bruni
Francesco Bruni
Francesco Bruni, dopo aver firmato come sceneggiatore Condominio (1991) di Felice Farina, avvia una lunga collaborazione con Paolo Virzì con il quale scrive, tra gli altri film, La bella vita (1994), Ovosodo (1997), Caterina va in città (2003) e i due premiati ai David di Donatello per la sceneggiatura La prima cosa bella (2010) e Il capitale umano (2014). È coautore de Il commissario Montalbano, uno dei più importanti successi seriali della televisione italiana. Nel 2011, Scialla! Stai sereno segna il suo esordio alla regia e vince il David di Donatello per la miglior opera prima. Il suo ultimo lungometraggio, Tutto quello che vuoi (2017), ha vinto il David di Donatello per il miglior attore non protagonista (Giuliano Montaldo), il David Giovani e il Nastro d’argento per la miglior sceneggiatura.
Laura Morante
Laura Morante
Laura Morante inizia la sua carriera da giovanissima, prima nella danza, con la compagnia di Patrizia Cerroni, poi in teatro con Carmelo Bene, al cinema con Giuseppe Bertolucci, Nanni Moretti, Mario Monicelli, Gianni Amelio, Pupi Avati, Peter Del Monte. Nel corso degli anni si cimenta con il cinema italiano e straniero, lavorando con autori di grande prestigio, come Monteiro, Malkovich, Tanner, Vecchiali e Resnais. Forte di premi e riconoscimenti per la sua carriera di attrice (David di Donatello e Ciak d’oro 2001 per La stanza del Figlio, Nastro d’argento 2015 per L’amore è eterno finché dura, Globo d’oro 1999 per L’anniversario…), nel 2012 firma la sua prima regia con Ciliegine (Globo d’oro come regista rivelazione). Nel 2016 dirige il film Assolo. Brividi immorali è il suo esordio letterario.
Simona Tabasco
Simona Tabasco
Diplomata in recitazione al Centro Sperimentale di Cinematografia, Simona Tabasco esordisce in televisione nel 2013 con la serie Fuoriclasse 2, a cui segue nel 2015 Fuoriclasse 3. Successivamente, interpreta con successo il ruolo di Nunzia Esposito nella serie È arrivata la felicità e quello di Alex Di Nardo ne I bastardi di Pizzofalcone. Nel 2014, Edoardo De Angelis le affida il ruolo di Tea in Perez, film per il quale vince il premio Gugliemo Biraghi ai Nastri d’argento 2015. Nel 2016, è la protagonista femminile de I babysitter, opera prima di Giovanni Bognetti, mentre nel 2018 recita a fianco di Laura Morante e Rocco Papaleo nella commedia Bob & Marys – Criminali a domicilio di Francesco Prisco.
Conchita Airoldi
Conchita Airoldi
Conchita Airoldi è una produttrice con un’esperienza pluridecennale alle spalle. Ha prodotto decine di film in co-produzione con la Francia Membro del Collegio dei Probiviri dell’ANICA e membro dell’EFA (EuropeanFilm Academy). Afferma presto la sua reputazione di produttrice grazie al film Porte Aperte (1990) di Gianni Amelio (nomination agli Oscar come miglior film straniero, vincitore EFA Award e del David di Donatello come Miglior Film). Tra gli altri film prodotti Titus di Julie Taymor (con Anthony Hopkins e Jessica Lange), Ne te retourne pas con Monica Bellucci e Sophie Marceau, Noi credevamo, di Mario Martone in concorso al festival di Venezia 2010, Pasolini di Abel Ferrara, con Willem Dafoe, in competizione alla Mostra di Venezia 2014.
Bowland
Bowland
BowLand è un progetto musicale nato a Firenze da tre amici (Leila Mostofi, Pejman Fani e Saeed Aman) che si sono incontrati a Teheran, la loro musica è fatta di atmosfere fluttuanti e suoni insoliti che si fondono con voci eteree e ritmi groovy. Nel 2017 esce Floating Trip, primo album della band, somma delle influenze artistiche dai Gorillaz ai Portishead, passando per le Cocorosie e Nicolas Jaar. Nel 2018 sconvolgono e rapiscono il pubblico Italiano arrivando, con la stessa personalità e con i propri colori, fino alla finale del programma televisivo X Factor Italia. Il 2019 è l’anno di due festival Europei come Sziget e Barrakud, dove riescono a convincere addetti ai lavori e migliaia di persone, concerto dopo concerto, che il pianeta BowLand non è solo un racconto personale ma un emisfero con una visione capace di raccontare chiunque.
Serafino Fasulo
Serafino Fasulo
È produttore, regista di documentari e fotografo. Ha lavorato per RAI, Sky e per altre produzioni cinematografiche. Tra i suoi lavori numerosi sono i documentari sulle nuove realtà etniche presenti sul territorio italiano. Attualmente è
direttore artistico della Fondazione Carlo Laviosa di Livorno, per il progetto “Fotografia e mondo del lavoro”. Ha rappresentato la Federazione Internazionale dei Cineclub (FICC) come presidente della giuria per il premio Don Quixote ai festival di Locarno, Berlino, Karlovy-Vary e Pilsen. Dal 2002-2004 ha ricoperto l’incarico di Presidente Nazionale della Unione Italiana Circoli del Cinema(UICC). Dal 2003 al 2013 è stato gestore e direttore artistico del cinema Kino-Dessé e dell’Arena Ardenza di Livorno.
Massimo Ghini
Massimo Ghini
Inizia a lavorare in teatro alla fine degli anni 60 e recita tra gli altri per Giorgio
Strehler,Franco Zeffirelli, Giuseppe Patroni Griffi e Gabriele Lavia.Esordisce nel cinema nell’84 con “C’era una volta la legge” di Stelvio Massi a cui seguiranno”Segreti segreti”di Guglielmo Bertolucci e”Compagni di scuola”di Carlo Verdone nel 1988. Nello stesso anno è al fianco di Stefania Sandrelli e Antonio Banderas nel film tv “La sposa era bellissima”. Nel 1994 è protagonista
in “La bella vita”di Paolo Virzì  con il quale lavorerà anche nel 2007 in “Tutta la vita davanti”. Nella sua filmografia ci sono anche “Senza Pelle” di Alessandro D’Alatri, “Celluloide”di Carlo Lizzani, “La tregua” di Francesco Rosi e “Un tè con Mussolini” di Franco Zeffirelli. Dopo una breve parentesi televisiva ritorna al cinema nel 2018 con “A casa tutti bene”, diretto da Gabriele Muccino, grazie al quale vincerà il Ciak d’Oro e  il Nastro d’Argento alla carriera.
Roberta Mattei
Roberta Mattei
Dopo alcune esperienze teatrali e televisive debutta al cinema come protagonista in “So che c’è un uomo” di Gianclaudio Cappai, in concorso nella sezione Orizzonti della Mostra del Cinema di Venezia. Nel 2015 incontra Claudio Caligari e partecipa alla sua ultima opera “Non essere cattivo” come coprotagonista. L’anno successivo è scelta come co-protagonista per il ruolo di Annarella nel film “Veloce come il vento” di Matteo Rovere con Stefano Accorsi per il quale viene candidata al David di Donatello per la migliore attrice non protagonista. Quest’anno ha affiancato, insieme a Ricky Memphis, l’ esordio alla regia di Giorgio Tirabassi nel film “Il grande salto”.

Madalina Ghenea è l’ambasciatrice di France Odeon 2018.

Benedetta Porcaroli è l’Ambasciatrice di questa edizione di France Odeon

Chiara Francini consegnerà il Premio Foglia d’Oro d’Onore a Myriam Bru

PREMI

Il premio Foglia d'oro

Il premio Foglia d'oro

Domenica 4 la giura consegnerà il premio Foglia d’oro – Giusto Manetti Battiloro: una preziosità realizzata dall’antica fabbrica di oro in foglia che dal diciassettesimo secolo produce la materia prima necessaria alla doratura.

L'essenza del talento

L'essenza del talento

In occasione di questa 10° edizione, France Odeon e Salvatore Ferragamo Parfums assegneranno il premio L’essenza del talento 2017 a dei giovani artisti che incarnano al meglio i legami esistenti tra Francia e Italia.